Perdonare se stessi e gli altri- LAAV: 18° giorno

Perdonare se stessi e gli altri 18 giorno

Buona settimana a tutti! Voglio augurarvi uno splendido 18° giorno del Perdono.
Possiamo fare tanto accettando la perfezione della vita, non colpevoli e non innocenti in senso assoluto, ma semplicemente ora uno ora l’altro abbiamo attraversato le due sponde, Amore è ciò vede e comprende l’Uno nel tutto.
Non esistono verità e ragione assolute che siano tutte e sempre e solo da una parte, l’equilibrio, la compensazione sono ciò che ci serve per riprendere contatto con l’intero, l’uno che sta in tutte le cose quando si inzia a vederle con occhi nuovi.
Oggi voglio farvi avere un altro mantra, alcuni di voi già lo conoscono e praticano. Esso è:

VA TUTTO BENE, TUTTO E’ PERFETTO, IO LO ACCETTO. LA PACE E’ IN ME!

mantra Laav accettazione consapevole
Questo mantra celebra “l’accettazione consapevole”, che non è da confondere con la mera rassegnazione, la quale invece fa ancora leva sul senso di perdita, sconfitta e vittimismo.
“Accettare” nel senso vero e consapevole vuole invece attivare una facoltà superiore che si basa sul comprendere che non sempre le cose sono come appaiono, e che anche nelle occasioni in cui possiamo avere creduto di avere totalmente ragione, forse le cose non erano del tutto così, e magari anche solo una piccola percentuale di “torto” potremmo averla avuta anche noi.

Accettare significa quindi uscire dai duelli all’ultimo sangue in cui spesso siamo finiti per trovarci a volte vincitori e a volte vinti, con uno scambio dei ruoli spesso repentino e veloce.
Perdonare se stessi e gli altri significa quindi accettare, ossia accogliere una verità superiore che va oltre la dualità e l’opposizione delle parti, è basilare perciò fidarsi di un’intelligenza superiore, perché come disse Einstein “Dio non gioca a dadi con l’universo!”

Iniziamo dunque a pensare in modo diverso, non più in termini di giusto e sbagliato, ragione o torto, ma con un senso di rispetto e integrazione del tutto. Questo ci porta oltre la dualità e le scissioni; è per redimere le parti ancora in lotta dentro di noi che siamo venuti su questo pianeta. E’ per ritrovare la pace e viverla come un nuovo seme che siamo tornati a rivivere le nostre battaglie, per poter finalmente sotterrare l’ascia di guerra e fumare il calumet della pace attorno al fuoco della ritrovata fratellanza umana.

Buon cammino dunque sul Sentiero del Perdono!

LAAV you

Gabriella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui